40 INFERMIERI SOSPESI DALL’ALBO IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SULL’OBBLIGO VACCINALE

Il Consiglio Direttivo – spiega il Presidente Daniel Pedrotti – nella seduta del 7 settembre, ha preso atto della comunicazione ricevuta da parte del Dipartimento di Prevenzione dell’APSS di Trento riguardante l’inosservanza dell’obbligo vaccinale e, così come sancito dall’art. 4 del D.L. n. 44/2021 convertito in L. n. 76/2021, ha dichiarato la sospensione temporanea dall’Albo per 40 infermieri iscritti. La sospensione mantiene la sua efficacia fino alla data del 31 dicembre 2021 (comma 7 DL 44/21 – Legge 76/2021), salvo proroghe, oppure fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale, da comunicare a cura dell’interessato ad APSS di Trento ai fini della sua revoca.
La preoccupazione dell’Ordine è che queste sospensioni abbiano una ricaduta sulla qualità dell’assistenza. Non possiamo accettare riduzioni degli standard infermieristici che possono impattare sulla sicurezza e qualità delle cure, oltre che un aumento dei carichi di assistenza degli infermieri in servizio – che responsabilmente si sono vaccinati – per compensare l’assenza dei colleghi sospesi – conclude il Presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche Daniel Pedrotti